Dati in Tempo Reale (o quasi)

Qualità dell'aria

Guarda dove Piove

L'immagine del radar meteorologico, aggiornata ogni 10 minuti, mostra la ricostruzione del campo di pioggia (non delle nubi), colorandola a seconda dell'intensità.

COVID-19

Ultimi Dati Giornalieri per provincia

Isola Ecologica Scoglietti

Dove?  Quando? Cosa?

Farmacie Aperte

 

Cerca nell'elenco

Legge Antispeco

LEGGE 19 agosto 2016, n. 166

Disposizioni concernenti la donazione e la distribuzione di prodotti alimentari e farmaceutici a fini di solidarieta' sociale e per la limitazione degli sprechi

Agevolazioni Fiscali

Legambiente 5 misure concrete

Legambiente scrive ai sindaci delle città italiane: “La ripartenza ha bisogno di soluzioni green innovative e coraggiose per la mobilità, non restituiteci le vecchie città.”

Mobilità post COVID 19: ecco 5 misure concrete

Registro Nazionale Aiuti di Stato

Registro Nazionale degli Aiuti di Stato

  • Il Registro Nazionale degli Aiuti di Stato è lo strumento nazionale per verificare che gli aiuti pubblici siano concessi nel rispetto delle disposizioni previste dalla normativa comunitaria, al fine di verificare il cumulo dei benefici e, nel caso degli aiuti de minimis, il superamento del massimale di aiuto concedibile previsto dall’Unione Europea.
  • Oltre alle funzioni di controllo, il Registro rafforza e razionalizza le funzioni di pubblicità e trasparenza relativi agli aiuti concessi, in coerenza con le previsioni comunitarie.

The Digital Economy and Society Index (DESI) is a composite index that summarises relevant indicators on Europe’s digital performance and tracks the evolution of EU Member States in digital competitiveness.

 

Legambiente circolo di Lerici

Ripristinare il trasporto passeggeri via mare sulla tratta Lerici-La Spezia porterebbe notevoli vantaggi per l'ambiente e la qualità della vita del nostro territorio. Mitigherebbe di molto la pressione del traffico e del disagio causato: rumore, stress per l'ecosistema, degrado - in particolare sulla SP 331, (Gozzano,Scoglietti, San Bartolomeo). Una prima azione per una mobilità multimodale a basso impatto ambientale: treno, bicicletta, traghetto. Salutare, collettiva e, in qualche modo, divertente!  Invitiamo i comuni di La Spezia e di Lerici a farsi carico di questa istanza per l'attivazione, anche in via sperimentale, della tratta, collocandosi in un disegno più ampio di integrazione del trasporto marittimo passeggeri nel sistema del trasporto pubblico.

Firma la petizione

scarica il volantino della petizione(pdf)

Legambiente - tesseramento

Campagna Tesseramento 2020

contatta Giovanni 3275790231 - Tiziana 3334580704

Legambiente circolo di Lerici

Circolo LEGAMBIENTE Lerici

MEDITERRANEO

Mediterraneo vuole essere uno strumento di una città civile e libera, che si impegna a fare cultura, a partecipare allo scambio di idee, a cogliere le urgenze dell’attualità, a incontrare e ascoltare i protagonisti della vita culturale italiana, a far crescere un pensiero critico e riflessivo, a formare, d’intesa con scuole e università, le nuove generazioni.
mediterraneo-logo

GRIS30 Gestione Rete Impresa

Il progetto si propone di:

  • fornire alle piccole e micro imprese uno strumento di gestione  per le attività commerciali  e di relazione, aumentandone  la visibilità e la capacità di azione e stimolandone la crescita economica
  • promuovere l’aggregazione e la collaborazione tra imprese, la condivisione delle conoscenze, la creazione di valore sociale attraverso un modello organizzativo a rete di tipo paritetico.

www.gris30.eu

Scambia Libro

Scambia Libro

MERCATINO DEL LIBRO USATO

4° EDIZIONE dal 13/6 al 30/09
SCUOLA MEDIA “P. MANTEGAZZA”
Via Gozzano/ SAN TERENZO(SP)

Scambia Libro

Cerchi libri scolastici ?
Vuoi vendere i tuoi libri usati ? Telefona a

Pina 3389478984 Daniela 3474964949

3389478984/ 3474964949

info (at) scambialibro.it

>>>>>>>> Cerca Libro >>>

Servizi Informatici Srl
  • Consulenza e assistenza software e sistemi
  • Innovazione tecnologica
  • Gestione aziendale, e-commerce, applicazioni web
  • Virtualizzazione e Cloud computing

web: www.serviziinformatici.com Tel: +393275790231

 

Legambiente circolo di Lerici

Raccolta Differenziata

Lerici Raccolta differenziata

Ridurre e riciclare prima di tutto!

ECOFORUM La gestione dei rifiuti in Italia

Normativa di riferimento - Decreto Legge 152/2006

Sentenza Recco 83/2013

raee - logocome smaltire le apparecchiature elettriche ed elettroniche. Scarica il PDF

Bolletta ACAM Acqua

Informazioni bolletta Acam acqua

Sportello Informativo

 

La Spezia - ACAM Via Crispi

  • dal Lunedì al Giovedì

mattino 8:00 - 12:15 pom. 14:30 - 15:30

Nr. verde 800 805 055

Noi Italia

Noi Italia Logo

Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo offre un quadro d’insieme dei diversi aspetti economici e sociali del nostro Paese, della sua collocazione nel contesto europeo e delle differenze regionali che lo caratterizzano

 

History of atmospheric carbon dioxide from 800,000 years ago until January, 2016

Vai al sito CO2 Giornaliera https://it.co2.earth/daily-co2

Vai al sito https://www.esrl.noaa.gov/gmd/ccgg/trends/ff.html

Vai alla presentazione:https://youtu.be/Yb3NsMJ-YQ8

 

 

La Criminalità Ambientale in sintesi

I numeri dell’Ecomafia, la tipologia di reati, la concentrazione geografica, il business, l’incidenza dell’abusivismo edilizio, il racket degli animali e il valore in “nero” del traffico internazionale di rifiuti: la criminalità ambientale sintetizzata in dieci immagini.

Territorio&Ambiente
Print
There are no translations available.

Lerici Frana al parcheggio camper

Lasciate libero il Paesaggio: appunti per una valutazione ambientale strategica

Chi percorre i sentieri del Carpione, non può non restare ammirato di fronte alle imponenti opere di regimentazione idraulica edificate dai nostri predecessori. Lo stesso escursionista, che si trovasse a passeggiare verso la fine dell'inverno, potrà osservare le imponenti fioriture del bianco anemone trifogliato. Questi due segni, in apparenza così diversi, convergono invece ad indicare la natura carsica del nostro territorio. Ai nostri antenati era pertanto ben chiara l’importanza di agire con pazienza e rispetto ogniqualvolta si fosse costretti ad apportare delle modifiche a un ambiente così delicato.

Dalla prima metà del secolo scorso questo stretto rapporto con la natura è andato perso e l’uomo, forte dei nuovi mezzi tecnologici, ha cominciato ad operare in modo sconsiderato.

Fin da allora qualcuno rimase scottato dalla sua imprudenza: per lungo tempo fu proverbiale il fallimento dell’impresa Locori, causato dalle difficoltà incontrate nel demolire il costone roccioso sul quale sarebbe sorto il palazzo della Maternità.

Negli ultimi venti anni, nonostante gli avvertimenti  sui mutamenti del clima e, in particolare, del regime delle piogge, l’imprudenza umana è divenuta addirittura devastante. Una piccola lezione di etimologia della toponomastica locale sarebbe forse bastata ad evitare errori imperdonabili. Gli Orti de Padua ( di facile traduzione ) sono divenuti Via Gerini che si trasforma in un fiume in piena ad ogni terminale più intenso. In Botri ( = inghiottitoi di origine carsica ), ora Lido di Lerici, le megatonnellate di cemento armato, scaricate per costruire la passeggiata pensile, ostacolano il deflusso naturale delle acque che si sfogano contribuendo a demolire la parete sovrastante. In Travalà ( = tra le valli, con annessi rivi ), fuori della Galleria Primacina, una strada di cantiere, ora parzialmente chiusa, senza adeguate protezioni, causava scarichi di materiale sulla sottostante carreggiata. Adesso si sta per giungere al culmine, con la costruzione di un parcheggio alla Serra, in località la Lama ( = la frana). Neppure Totò, in un film degli anni cinquanta, avrebbe provato a vendere un garage in località La Frana.

Dopo questi esempi, ci si può solo augurare che il nuovo PUC dia un segnale di cambiamento di questa rovinosa mentalità. Che siano censiti i siti ad alta fragilità e che la valutazione del rischio idrogeologico sia inserita nel regolamento edilizio comunale. Che sia attuata una politica di previsione che tenga conto della naturale evoluzione del territorio  e una politica di prevenzione che definisca limiti adeguati del livello di rischio e predisponga misure di salvaguardia nelle situazioni di rischio più elevate.  (Legambiente circolo di Lerici)

Vai alla galleria fotografica

GeoPortale LaMMA - Toscana

Add a comment
 
Print
There are no translations available.

Lerici - allagamento di piazza garibaldi

Verso la creazione di un piano di regimentazione e convogliamento delle acque meteoriche

Le piogge autunnali, le cui intensità e concentrazione stanno subendo un incremento significativo, provocano negli ultimi anni allagamenti ripetuti nelle zone più basse del paese. Alcune delle cause del fenomeno sono state più volte mostrate dalle associazioni ambientaliste, anche se una piccola ripetizione può sempre giovare per ricordare gli effetti dell’impermeabilizzazione dei suoli, della commistione fra fogne bianche e fogne nere, degli ostacoli al deflusso delle acque, persino della scarsa attenzione alla toponomastica. Un problema ulteriore, purtroppo assai poco considerato, è la mancata realizzazione di opere idrauliche connesse all’asfaltatura della strada per la Rocchetta. La contropendenza della carreggiata e l’occlusione delle canalette laterali di scolo (solo in minima parte liberate dall’intervento di un gruppo di generosi volontari) trasformano la strada, in caso di piogge copiose, in un affluente del Carbognano, sottraendo le acque al loro naturale impluvio sul Redarca. Si annulla così la favorevole situazione orografica che vedrebbe la parte vecchia di Lerici ricevere le acque da un bacino di meno di 1 kmq di superficie con un’altitudine massima di poco più di 200 metri. Per un confronto, il bacino idrografico di Vernazza è di 4 kmq con un’altitudine massima di 800 metri. La mancanza di opere idrauliche sulla strada provoca perciò un raddoppio del carico pluviale sul bacino del Carbognano. Siamo perfettamente coscienti delle difficoltà economiche che attanagliano l’Italia e, in particolare, gli enti locali, tuttavia ricordiamo ancora una volta che i soldi spesi per la prevenzione si risparmiano con gli interessi nel momento del danno conclamato. (Legambiente circolo di Lerici)

 

Guarda i dati sulle precipitazioni nel periodo 18/09 17/10/2013 rilevate  della stazione ARPAL del monte Rocchetta

Titolo II del Nuovo codice della strada - DELLA COSTRUZIONE E TUTELA DELLE STRADE - in particolare gli articoli:

Art. 31 Manutenzione delle ripe, Art. 32 Condotta delle acque, Art. 33 Canali artificiali e manufatti sui medesimi 

(se si ha voglia) Si veda anche il Codice Civile sezione IX - Delle Acque   In particolare gli articoli 913, 915, 916, 917, 1090, 1091 relativi allo scolo delle acque, alla riparazione delle sponde ed argini, alla rimozione degli ingombri, alla manutenzione dei canali

ISPRA - Documenti rischio idraulico

 

Add a comment
 
There are no translations available.

Dove è finita Vallestrieri?

Vallestrieri- Lerici  panoramica

Valle di Stefano, ( Valestrieri - Vastei) un manso lungo una delle principali vie  tra  Serra e Ameglia.

 

Nel  Codice Pelavicino, Valle Stephani, nel distretto di Barbazzano, è citata nei documenti n. 17, n. 375, n. 374, n. 381 e  n. 27, con i redditi e gli obblighi dovuti al vescovo e con i nomi di coloro che vi hanno vissuto.  Nel luogo viene citato un manso e compaiono poderi e case. Il luogo è sempre associato a territori noti appartenenti al distretto.

Valle Stephani nel Codice ,  Vallestrieri oggi; Vastei nel dialetto locale. Tutto lo farebbe pensare. Come San Giovanni diventa nella vulgata, Sanšane, San Terenzo Santuenšo e così San Lorenzo Sanluenšo e San Lazzaro, località tra Serra e Fiascherino diventa Sanlasio,  così Santo Stefano nel linguaggio dialettale   diventa San  Steve o Steven,e Stevi o Stei, nel caso se ne  ipotizzasse  il plurale. Il gioco è fatto. Ciò che in origine era un genitivo latino, Stephani, diventa un plurale e come  tale viene tradotto nel nostro gergo sempre in caccia di elisioni, Va’stei. Non è infatti da sottovalutare che questo sia l’unico toponimo nei territori che stiamo considerando, con il prefisso Valle, che abbia avuto nel tempo un notevole sviluppo agricolo, che sia una zona pianeggiante,  ricca d’acqua e ancora oggi abitata, possiamo dire con continuità.  Ma soprattutto e non è un dato da poco, si trova lungo una delle due arterie principali che da Barbazzano e da Lerici conducono a Ameglia. Un lericino ancora giovanile e di buona memoria, mi parlava con passione della sua infanzia al Debbio, durante  gli anni della guerra, nelle terre gestite dal nonno. Terre ricche di acqua  fornita da una sorgente in Vastei, che alimenta un enorme deposito costruito in epoca imprecisata nel sottosuolo e che ritrova la luce nella sottostante sorgente di Redarca.*  La presenza del toponimo Debbio, rimane di indubbia rilevanza storica, perché notoriamente richiama un insediamento abitativo e lavorativo medioevale. Il luogo, nella sua integrità territoriale, sovrasta e è ben visibile da Barbazzano, Portesone, Serra , Tellaro e buona parte del golfo. Questo lericino  ricorda, come ben ricordo io,  una torre quadrata esistente sino alla metà degli anni sessanta in località Colombiera, sottostante  il Debbio e nel medesimo contesto di Vallestrieri. Dalla torre, che sovrastava la sorgente di  Redarca, e ne controllava una via d’accesso,  si aveva un’ampia visione del golfo e del litorale.   La torre,che io ricordo quando avevo circa dieci anni, aveva un’altezza variabile fra i tre e i quattro metri, molto simile a quella di Barbazzano. Lui, afferma che  raddoppiasse in altezza soltanto una ventina di anni prima,  diroccando   poi per l’incuria e per le avversità atmosferiche,finché venne completamente abbattuta e le pietre   andarono depredate e disperse negli anni Settanta, durante l’allargamento delle strada che dall’attuale carrozzabile del monte Rocchetta riconduce alla vecchia via storica che attraversa Serra e Vallestrieri valicando verso Ameglia.      

 Il documento n.374 del “Pelavicino” è un atto importante ai fini della nostra storia sui territori ritrovati del distretto di Barbazzano. Si assiste, in diretta, alla permuta di territori tra il vescovo Gualtiero e i fratelli Uberto e Guglielmo. In cambio di una bradia nelle terre di Carrara, territorio campestre  e lavorativo assimilabile al cafadium, i fratelli, cedono il loro feudo con uomini, decime, redditi e ogni diritto nelle terre del distretto di Ameglia e di Barbazzano. Siamo nell’anno 1197, terzo giorno delle idi di marzo. Testimoniano sulla veridicità dei possessi e dei redditi,  alcuni abitanti dei luoghi di La Cala, La Crosa (non ancora identificata) e Mezzana. Parte dei territori resi al Vescovo, si trovano nella regione compresa tra la fonte di Capodacqua sino al Monte del Sughero (tra la cima del Rocchetta e Camberano; la sella del Rocchetta) e dalla Valle di Stefano, (l’attuale Vallestrieri) di qua fino al mare.

I fratelli Uberto e Guglielmo altri non sono che Alberto e Guglielmo Spinelli, probabilmente avvocati della Curia Lunense  che godevano di non pochi privilegi e benefici. Compaiono citati nel Codice Pelavicino ai documenti n. 9, n. 373 e n. 375. I due fratelli gestivano un vasto feudo interno alla corte di Ameglia e la loro carica era tra le più prestigiose nell’amministrazione del Vescovo-Conte. In caso di guerra, portavano il gonfalone della loro chiesa e servivano il vescovo tenendo le redini del suo cavallo durante le cerimonie importanti a cui esso partecipava. Non avevano oneri pubblici e come compenso nei loro interventi a favore della chiesa e della persona del vescovo, ricevevano la terza parte dei bandi e delle pene pecuniarie e gli alimenti per il loro mantenimento;  inoltre, dovevano  ricevere gli speroni del vescovo al momento dell’investitura dello stesso, giurandogli fedeltà e vassallaggio (C.P. n. 9 ). Nell’atto sopra citato  è l’elenco di quanto possedevano in feudo nel distretto di Ameglia e di Barbazzano, entro gli attuali confini del comune di Lerici. Altri possedimenti si trovano nel comune di Ameglia e vengono indicati come manso del Cerreto, bradia di Arenale, manso di Sorbolo, terre di Cortiola e la terra dei figli di Gotolo.  Tutte terre sulle quali il Vescovo-Conte esercita direttamente il proprio potere. 

 

*Il deposito venne fatto costruire nei prini anni del ‘900 dal nonno con operai della Serra

Quanto sopra è sunto degli articoli pubblicati su LERICI IN  n.9 n.10 aosto -settembre 2010

Valestrieri fu oggetto di esproprio per la costruzione di un forte. Di fatto

il forte fu costruito tra il 1887 e il 1879 sul Rocchetta e fa parte del complesso difensivo già voluto da Napoleone a difesa dell’Arsenale Militare della Spezia e ancora oggi mantiene il suo perimetro originale.

Gino Cabano

Dov'è ora Vallestrieri?

Italia Turismo società immobiliare a capitale interamente pubblico specializzata nello sviluppo e nella riqualificazione di strutture ricettive, con particolare attenzione alle regioni del Sud.
Controllata dal Gruppo Invitalia, l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. e partecipata da Fintecna Immobiliare S.r.l., è impegnata ad attuare il programma dei Poli Turistici Integrati, un progetto turistico di grande respiro architettonico e standing internazionale, che prevede un investimento complessivo di 200 milioni di euro.

Guarda come è censito Vallestrieri

Camera dei deputati - Tema green economy

Add a comment
 
There are no translations available.

Assemblea Popolare "Quale politica per il nostro territorio?"

Lerici 5 Sett 2013 - Rotonda Vassallo 

 

 

Add a comment
 
There are no translations available.

Giornata mondiale contro il carbone

sabato 29 giugno - Centro Allende alle 15:00 - La Spezia

MAnifestazione contro il carbone

 

Add a comment
 
There are no translations available.

Pitelli e Navi dei Veleni

Sabato 29 giugno alle 18:00 castello di S.Terenzo

L'associazione culturale Pecora Nera di San Terenzo organizza un incontro dibattito sul Pitelli, le navi dei veleni e i traffici di rifiuti tossici e nocivi con il giornalista Luciano Scalettari. Intervengono Marco Grondacci, giurista ambientale e Marco Lamma avvocato. Presente al dibattito Michele Fiore capogruppo PD e consigliere del Comune di Lerici.

Pitelli discarica dei veleni

Add a comment
 
Salviamo la Venere Azzurra Print
There are no translations available.

Legambiente circolo di Lerici

Firma la petizione di Legambiente Lerici

   Vai alla galleria fotografica

Lerici Venere Azzurra No alla Cementificazione

Pensiamo che la vocazione del nostro territorio sia differente e che le nostre risorse ambientali e paesaggistiche debbano essere tutelate e rispettate e non svendute per quattro danari.  Crediamo e proponiamo un turismo che non alteri l’ambiente e il delicato ecosistema in cui viviamo. Un turismo durevole che metta in armonia la crescita economica, la tutela del territorio e l’identità del luogo, che si adatti alle risorse locali e che sia aperto al territorio circostante. Un turismo che non ostacoli lo sviluppo di altre attività economiche e sociali e che distribuisca equamente i benefici economici prodotti, dimensionato nel tempo e non legato a stagionalità.
 
 
 
Add a comment
 
There are no translations available.

Funzione calendariale e aspetti di geometria sacra nel cavaneo dello Spirito Santo a Lerici

Sergio Berti

Associazione Ligure Sviluppo Studi Archeoastronomici, Associazione Architettura e Geobiologia-Studi Integrati, S.I.A This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

Enrico Calzolari

 Associazione Ligure Sviluppo Studi Archeoastronomici,S.I.A.  This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

 

Cavaneo dello Spirito Santo - La Serra di Lerici

 

Il Caprione è il promontorio più orientale della Liguria, già indicato nella Tabula VI della “Cosmographia” di Tolomeo. Fino alla Seconda Guerra Mondiale si contavano oltre duecentocinquanta di queste costruzioni a volta dette “cavanei”, concentrate nel lato occidentale del promontorio, rivolto al tramonto del Sole, che muovendosi sulla linea del crinale consente di conoscere i solstizi e gli equinozi. Nel 1985 lo studioso Gino Cabano (si noti l’esistenza nel territorio di un simile cognome di origine celtica) ha prodotto il quaderno del territorio a titolo “I cavanei del Monte Caprione” in cui illustrava queste valenze del Caprione,   non protette da alcun vincolo e quindi destinate a scomparire a fronte all’avanzare dell’immobiliarismo, per tentare di fermarne lo scempio. Continuando gli studi per cercare di sensibilizzare le popolazioni e le autorità a salvaguardare questa ricchezza antropologica ed archeologica è stata presentata una comunicazione a titolo “Penetrazione della luce del Sole al tramonto del solstizio d’inverno e al tramonto equinoziale in una struttura a tholos del promontorio del Caprione (Lerici, la Spezia) al VII Convegno S.I.A. (Roma, Museo Nazionale Romano, settembre 2007). Più recentemente, in una zona ripulita dai rovi, sotto l’abitato della Serra di Lerici, è stato scoperto un cavaneo situato presso una stele votiva, detta dello Spirito Santo, a motivo di una grazia ricevuta. Questo cavaneo presenta elementi costruttivi legati alla geometria sacra e alla conoscenza della terna pitagorica, nonché alla Matrice di Progetto Rettangolare (MDPR).

>> Leggi il documento completo >>         scarica il PDF

comunicazione di Enrico  Calzolari  fatta al congresso di Bologna 2011 della Società Italiana di Archeoastronomia

Add a comment
 
Lasciare libero il paesaggio
There are no translations available.

Proprietà privata - Lasciare libero il passaggio - Entrata e uscita a tutte le ore.

Ennesimo esempio di incuria e deregolamentazione del deflusso delle acque.

 

Add a comment
 
Proviamo ad eviare lo scempio E-mail
There are no translations available.

Per la tutela del territorio e la salvaguardia dei beni comuni

Osservatorio Ecospirituale, Lega Ambiente, Italia Nostra e WWF

 

COMUNICATO STAMPA

Ancora una volta purtroppo, assistiamo a una "invasione di campo" del cemento: nell'area già gravemente compromessa della Vallata Venere Azzurra di Lerici è in predicato la costruzione di un articolato edificio per un totale di 14 appartamenti.

L'area di cui si tratta è rimasta testimone di quel poco di verde prospiciente il mare che si èsalvato nella zona dopo l'infelice e devastante esperienza della Residenza Turistico-Alberghiera (RTA) e del fantomatico Albergo 5 stelle.

Con la speranza di poter contribuire al ripensamento di tale progetto, le Associazioni: OSSERVATORIO ECOSPIRITUALE, ITALIA NOSTRA, LEGA AMBIENTE di Lerici e WWF di La Spezia, promuovono una manifestazione per la salvaguardia dell'area e invitano la popolazione a partecipare al SIT-IN di protesta che si terrà domenica 21 Ottobre 2012 alle ore 11.00 alla Vallata - Parcheggio Circolo Tennis - Lerici.

Vedi anche:

Comunicato stampa del Sindaco Caluri

Add a comment
 
<< Start < Prev 1 2 3 Next > End >>

Page 3 of 3